Home PageHome PageClassificheScambio LinkPubblicit

Scegli l'artista per lettera
A B C D E F G H I J K L M NO P Q R S T UV W X Y Z 0/9

Novità AlbumItaliane StraniereSigle TVCanzoni di NataleSpot Tv
l
l


La cantantessa come viene definita Carmen Consoli, di origini Siciliane, ha questo segno distintivo una scrittura stravagante e realistica delle storie che descrive, una peculiarità, che la distingue dal genere attuale, a quel tocco di malinconia e contemporaneità.  Attualmente torna sulla scena discografica con “L’abitudine di tornare”, un album molto atteso ed ispirato, denso di ritmo, melodia e contenuti universali, che trae vocazione dalla reale quotidianità. Un album in cui Carmen veste i panni di ‘cronista’ per raccontare stati d’animo e sentimenti, situazioni di ogni giorno e note di attualità con metafore, poesia e amara ironia..Il brano parla di una quotidianità fatta di flashback e riflessioni nel tentativo di riaccendere una fiamma che, con il trascorrere dei giorni, si consuma nell'abitudine. L'amore sognante e romantico diventa la sintonia imperfetta di una coppia che si consuma nella routine .Nel video lei stessa  Carmen Consoli, che  interpreta la protagonista del video,  è ‘ assiepata ella routine quotidiana, tra parenti e pranzi di famiglia. Fino a quando non arriva la proposta di matrimonio e la voglia di scappare.
Il video di "Sintonia imperfetta", è stato girato in Sicilia, che si ispira al personaggio di Monica Vitti e ideato dalla stessa Carmen Consoli. Il cast di attori è composto dallo staff dell'artista Catanese, in cui lo storico chitarrista Massimo Roccaforte si ritrova nei panni di una strepitosa Mrs Doubtfire.
 Carmen Consoli è tornata con la sua consueta, sottile ironia, con la drammaticità e il coraggio delle sue parole precise e caustiche, regalandoci anche momenti immaginifici di intensa levatura di questa artista poliedrica e alla ricerca di nuovi intrecci da raccontare come sua prerogativa della Consoli di Cantantessa, come viene denominata.
 
TESTO DELLA CANZONE <


Quel pomeriggio si passava da un divano all'altro qualunque frase era ingombrante in pieno Agosto io ti chiedevo più attenzioni e un minimo di slancio mentre l'arrosto di tua madre mi rendeva omaggio Ah voglio vivere così col sole in fronte l'amore ai tempi dei miei nonni era sognante Ricordo come fosse ieri il nostro primo incontro tu eri un po' ubriaco intento a fare colpo Parlavi di finanziamenti a tasso agevolato cessioni, transazioni e ahimé ricerche di mercato Ah voglio vivere così col sole in fronte L'amore ai tempi dei miei nonni era sognante Tra di noi regnava un'ostinata consuetudine una sintonia imperfetta Tra di noi regnava una profonda solitudine una forza d'inerzia una sintonia sommersa Quel pomeriggio si passava da un divano all'altro mentre studiavo come dirti che ti avrei lasciato tu già dormivi al quarantesimo di Roma Lazio pensavo io a tua madre e al cane da portare a spasso Ah voglio vivere così col sole in fronte L'amore ai tempi dei miei nonni era sognante Tra di noi regnava un'ostinata consuetudine una sintonia iperfetta Tra di noi regnava una profonda solitudine una forza d'inerzia una sintonia perversa Tra di noi regnava una profonda solitudine una forza d'inerzia una sintonia imperfetta Quel pomeriggio eri un tutt'uno col divano grigio l'avrei dovuto già capire sin dal primo incontro


Questo post ti è piaciuto? Lascia un commento o iscriviti ai feeds così rimarrai sempre aggiornato sui nuovi contenuti!

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Lettori fissi

Si è verificato un errore nel gadget

Ultimi Commenti