Home PageHome PageClassificheScambio LinkPubblicit

Scegli l'artista per lettera
A B C D E F G H I J K L M NO P Q R S T UV W X Y Z 0/9

Novità AlbumItaliane StraniereSigle TVCanzoni di NataleSpot Tv
Morgan, Marco Castoldi"La Sera", sarà sicuramente una delle canzoni più ricordate di Sanremo anche se in lato negativo. Un grande artista, Morgan, che nella vita di tutti i giorni si chiama Marco e che lotta a causa di una dipendenza grave come è la droga che affligge purtroppo la nostra società odierna. Il caso Morgan ha purtroppo "distratto" dall'argomento principe che è la musica. La sua canzone non è stato per nulla considerata mentre ci cercava di gettare ancor più fango e attenzioni verso l'uomo. La Sera, canzone stupenda e romantica, dal testo dolce e speranzoso. Un alone di tristezza, ma anche una fievole speranza costeggiano questo brano che anche alla fine, quando sembra tutto risolto richiama pessimismo e tristezza lasciando sorpresi.....
Che la canzone sia potuta arrivare in finale non lo sapremo. Marco non ha potuto diffondere il suo messaggio musicale a causa delle sue debolezze che l'hanno penalizzato. Sicuramente i suoi fans, "quelli veri", capiranno l'uomo e apprezzeranno l'artista per l'ennesimo capolavoro..


In caso di malfunzionamento, vi preghiamo di contattarci specificando il video


Testo

Siapre la sera
Vedi, s'avvera
Morbida svela e distende
La sua coperta nera
Ecco la sera, bella la sera
La luce s'inchina
Esce di scena
Poi si nasconde tra i monti
Scalderà altre genti
Brucerà altri campi
E altri orizzonti
Avanti, entri la sera
E noi siamo ancora qui
Ma niente sembra uguale, con te
Con te si può parlare
Disordinare il destino
Rimandare il mattino
Che il modo migliore è
Consumare le pre facendo l'amore
Cade la sera
E il cuore s'ispira
Mentre il cielo si oscura
Buio a regalar le stelle
Belle illusioni, sogni lontani
Anche se per oggi abbiamo dato già abbastanza
Tutte le nostre forze, tutti i fianchi e gli occhi
Non siamo stanchi
E d'incanto l'identico istinto ci coglie
E con me ti fai trascinare via
Guarda la sera
Scende sicura
Apre la notte futura e
Non infonderà paure
Anzi ci invita a nuove avventure
E fin che resteremo insieme non morirò
E del tormento allora ci faremo un canto
Tutto il tempo che resta, ogni sera la nostra festa
E il vento come orchestra
Mentre un raggio di luna rifrange
Sulla pioggia che piange tu volteggi come un'onda
Così volubile e profonda, stasera
L'atmosfera profuma d'incenso
Quando ormai mi credevo disperso
Con stupore immenso tutto ritorna per me ad avere un senso
O almeno si spera
Esce la sera
Buona la sera


Questo post ti è piaciuto? Lascia un commento o iscriviti ai feeds così rimarrai sempre aggiornato sui nuovi contenuti!

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Lettori fissi

Si è verificato un errore nel gadget

Ultimi Commenti